• Demo
  • Slide 03

Sen. Pro.
Francesco Forte


Nato a Busto Arsizio l’11 febbraio 1929, è vissuto a Sondrio sino alla laurea all’Università di Pavia nel 1951, ove ha studiato, dal 1947, nelle facoltà di Giurisprudenza e Scienze Politiche, come alunno del Collegio Ghislieri, con posto gratuito, in quanto vincitore del concorso per gli studenti merito distinto. Nel 1951, dopo la laurea, è diventato  assistente ordinario di scienza delle finanze all’Università di Pavia, successivamente professore incaricato all’Università di Milano, poi a quella di Urbino, nel 1959 post doctoral fellow all’Università di Virginia, nel 1960, vi è diventato associate professor of economics. Ordinario di scienza delle finanze e dovente di politica economica e economia internazionale all’Università di Torino, ove è stato chiamato su designazione di Luigi Einaudi, come suo successore nella cattedra di scienza delle finanze, nelle Facoltà di Legge e Scienze Politiche. Dal 1984 professore di politica economica e dal 1986 di scienza delle finanze nella Facoltà di Economia dell’Università di Roma, La Sapienza è attualmente professore emerito nel Dipartimento Economia Pubblica e Legge dii tale Facoltà. E’ professor esterno dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, ove ha fondato il corso di laurea di economia.  E’ uno dei fondatori e past president della Public Choice Society e presidente onorario dell’Istituto Internazionale di Finanza Pubblica. Ha scritto on molti campi della teoria dell’’economia del benessere e dell’economia pubblica, della politica monetaria e fiscale e della finanza pubblica, incluse alcune applicazioni econometriche e di economia industriale e dei beni culturali. E’ stato visiting professor in molte Università  del Regno Unito e degli USA e alla Brooking Institution e al Fondo Monetario Internazionale. E’ stato vicepresidente dell’ENI, membro della Camera dei Deputati per due legislature, eletto nel collegio Como Sondrio Varese e poi Senatore di Sondrio per altre due, dal 1979 al 1994, Ministro del Governo Italiano dal 1982 al 1987, presidente della Commissione Industria della Camera e della Commissione Finanze e Tesoro del Senato. Guidò il PSI (partito Socialista Italiano) alla nuova via dell’economia di mercato sul lato dell’offerta dell’epoca di Craxi.  E’ stato consulente di vari governi italiani, dell’OECD, dell’Unione Europea, delle Nazioni Unite, della Banca Mondiale. Ha creato la pagina economica del “Giorno”, poi editorialista della Stampa di Ronchey e Casalegno e di Panorama dalla fondazione al 1978, collabora  a “Il Giornale” dal 1979, dall’epoca di Montanelli ed ha collaborato a “Il Foglio” dalla fondazione. La sua bibliografia include attualmente oltre 35 libri e 350 saggi in riviste scientifiche e culturali, italiane e internazionali dal 1950 al 2016.

Biografia